ANDREOTTI, MAFIOSO O NO

ANDREOTTI MAFIOSO O NO

Sui vari forum, e persino in articoli di giornale, moltissimi affermano che Andreotti non è stato assolto dall’accusa di essere un mafioso. Si dice: è stato processato per mafia ed è stato prosciolto, ma nella motivazione l’estensore ha affermato che Andreotti è stato un mafioso in anni per i quali non poteva essere processato, per intervenuta prescrizione. Dunque che Andreotti sia stato un mafioso è stabilito in sentenza; poi, che egli non sconti nessuna pena, se così vuole la legge: ma il fatto rimane.

Le cose non stanno così. La sentenza fa stato per ciò che segue le famose tre lettere P.Q.M., Per Questi Motivi, cioè per il dispositivo. Se dopo c’è scritto “condanna”, l’imputato è dichiarato colpevole; se dopo c’è scritto “assolve”, l’imputato è dichiarato innocente. La motivazione non è Vangelo in ogni sua parte: ha la funzione di permettere ai difensori di sapere contro quali accuse, contro quali prove, contro quali ragionamenti difendersi e vale solo per la sua efficacia. Nelle aule si raggiunge soltanto una “verità giudiziaria” e nessuno può escludere che in seguito la storia dimostri un’altra verità: si chiama errore giudiziario. Comunque, la stessa “verità giudiziaria” si limita al dispositivo e non si estende alla motivazione. Un giudice, condannando un ladro, può scrivere che “per quanto bruttissimo, il dipinto ha un grande valore commerciale”: e conteggiare dunque l’aggravante del danno patrimoniale di rilevante gravità. Ma nessuno potrà poi sostenere che quel quadro è bruttissimo perché così è scritto in una sentenza.

Per Giulio Andreotti, riguardo ai fatti che, eventualmente, sarebbero poi dovuti ricadere nell’ambito della prescrizione, l’estensore sarebbe potuto giungere solo ad una di queste due soluzioni. Se dall’esame superficiale dei fatti fosse risultata evidente la non colpevolezza dell’imputato, non avrebbe dovuto applicare la prescrizione ma avrebbe dovuto assolvere nel merito. Se invece dall’esame superficiale dei fatti l’innocenza non fosse risultata del tutto evidente, avrebbe dovuto applicare la prescrizione.

Si è parlato di esame superficiale perché il giudice, sapendo che su certi fatti non potrà in nessun caso arrivare ad una condanna, non perderà certo il tempo di fare approfondite indagini. L’art.129 (ex 152) del Codice di Procedura Penale cpv stabilisce infatti: “Quando risulta una causa di estinzione del reato, ma già sussistono le prove le quali rendono evidente che il fatto non sussiste o che l’imputato non lo ha commesso…” il giudice assolve nel merito. Dunque, applicando la prescrizione non si dichiara la colpevolezza dell’imputato, si dichiara soltanto che LA SUA INNOCENZA NON È EVIDENTE. Nel caso di Andreotti, se l’estensore ne ha affermato la colpevolezza per gli anni coperti dalla prescrizione, è andato oltre i suoi poteri e la sua affermazione è giuridicamente inefficace. Il giudice non ha l’obbligo di motivare l’automatica applicazione della prescrizione (basta il decorso del tempo): deve solo motivare l’eventuale assoluzione nel merito. Questa infatti costituisce l’eccezione rispetto alla regola della prescrizione. Comunque non può permettersi di dichiarare un cittadino colpevole per fatti non sottoposti al suo giudizio.

Qui si impone una nota. Qualcuno, con logica acuta, potrebbe obiettare che, per sapere se si possa applicare la prescrizione – graduata secondo la gravità delle accuse – bisogna conoscere i fatti, almeno in generale. Ma nel caso di Andreotti, dal momento che  i reati per i quali si procedeva contro di lui erano gli stessi di quelli per i quali è stato assolto, l’indagine per gli anni coperti dalla prescrizione era un’assoluta perdita di tempo.

Che questa sia la realtà giuridica e processuale non può essere messo in dubbio. Infatti, se la sentenza potesse affermare la colpevolezza dell’accusato assolto per prescrizione, l’accusato sarebbe assolto in giudizio e condannato socialmente. Questo è talmente contrario alla nostra civiltà giuridica che è stata persino abolita la condanna per insufficienza di prove. Non si può lasciare un cittadino esposto in aeternum ad un sospetto infamante. Fra l’altro, nel caso della prescrizione, si avrebbe una condanna (morale) senza concedere all’accusato  la possibilità di dimostrare la propria innocenza. Infatti per quei fatti non si sono svolte adeguate indagini e non gli è stata data – perché non necessaria – la possibilità di difendersi.

L’imputato, anche se innocente, ha comunque interesse ad accettare sempre la prescrizione: chi, potendo evitare l’alea di un processo penale, la corre volontariamente? Ha scritto Piero Calamandrei: “Se mi accusassero di avere rubato la Torre di Pisa, mi darei alla latitanza”. A tal punto è grande il rischio che qualunque competente vede in un processo penale. Fra l’altro, per processi di mafia con ampio uso di “pentiti”, anche Papa Ratzinger avrebbe di che temere.

In conclusione sappiamo che Andreotti è giuridicamente innocente delle accuse per cui è stato processato; sappiamo pure che, a credere all’estensore, la sua innocenza, rispetto alle accuse riguardanti anni lontani, non è solare. Non sappiamo altro.

Gianni Pardo, giannipardo@libero.it

8 gennaio 2010

UNA CONFERMA AUTOREVOLE

Prima di inviare a qualche giornale on line e agli amici il mio testo su “Andreotti mafioso o no”, per prudenza l’ho spedito al dr. Luigi Bitto, ex alto magistrato di Bergamo, di cui mi onoro d’essere un amico epistolare. Gli ho chiesto se per caso avessi detto qualche sciocchezza giuridica ed ho ricevuto da lui questa risposta, che mi ha autorizzato a pubblicare.

Mentre era in corso il processo d’appello contro il senatore Andreotti ho avuto un colloquio a Palermo con un magistrato della Corte d’Appello, che mi accennò ad una forte preoccupazione dell’organo giudicante di non lasciare del tutto scoperta la Procura dopo che l’apparato probatorio era stato smentito dalle risultanze dell’istruttoria dibattimentale, svoltasi durante il processo di primo grado. Quel bravissimo magistrato, alle mie perplessità, rispose con accenni accorati, invitandomi a considerare le condizioni dell’ordine pubblico a Palermo, quando i magistrati inquirenti e le loro scorte saltavano in aria e illustri uomini politici venivano trovati stesi a terra da scariche di mitra. In una situazione del genere, i magistrati della Procura erano sottoposti ad una pressione eccezionale, che li portava a dare ascolto alle voci dei pentiti.

Compresi il senso di questo discorso, quando, poco dopo, venne pronunziata la sentenza della Corte.

L’accorgimento, al quale fecero ricorso per salvare capra e cavoli, fu di dividere la permanenza nel reato in due periodi: uno, successivo all’introduzione del reato di associazione a delinquere di stampo mafioso, per il quale le accuse dei pentiti risultavano smentite, l’altro, più risalente nel tempo e perciò coperto dalla prescrizione, nel quale non si erano registrate smentite così clamorose. Sarebbe stato facile osservare che le smentite successive valevano anche per il passato, tranne ipotizzare una conversione improvvisa, tipo quella dell’Innominato, assolutamente improbabile e comunque non provata, ma le soluzioni politiche dei processi, che sono sempre esistite nella storia, checché se ne dica, esercitano un notevole fascino. Sicché il marchingegno, del tutto estraneo al giudizio di primo grado, resse in Cassazione, che peraltro è la sede delle soluzioni politiche, essendo sua funzione adeguare l’interpretazione della norma giuridica alle nuove esigenze della società in rapida trasformazione.

Come può vedere, la sentenza d’appello non afferma in nessun modo la colpevolezza del senatore: per il periodo più recente la esclude in radice, per il periodo più antico lascia le cose in un limbo di incertezza, senza affermare esplicitamente alcuna colpevolezza. La contraddizione sarebbe stata troppo stridente mancando la prova della notte dell’Innominato.

Il giudizio da lei espresso, perciò, è, a mio parere, esatto.

Luigi Bitto

ANDREOTTI, MAFIOSO O NOultima modifica: 2010-01-10T08:19:00+01:00da gianni.pardo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a ANDREOTTI, MAFIOSO O NO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.