AVVISO AI LETTORI

Questo sito è divenuto per me di difficilissimo accesso, ed inoltre ricevo un mare di falsi commenti, scritti in varie lingue straniere, e il servizio di assistenza di “Virgilio” non è stato in grado di liberarmi di nessuno dei due problemi. Per questo rimetto in vita il mio mio vecchio blog giannip.myblog.it, sul quale vi prego di spostarvi. L’indirizzo è … Continua a leggere

LA COINCIDENZA CHE PARALIZZA

Da anni, in un crescendo tanto surrettizio quanto implacabile, l’intervento della magistratura è stato sempre più invasivo. Tempo fa, gli inquirenti sembrarono perseguitare soprattutto una fazione politica, ed anzi un solo uomo, Silvio Berlusconi. Era già abbastanza scandaloso, ma in seguito questa intrusione si allargò a tutti i fenomeni in cui si poteva riscontrare un “côté” giuridico, finché è finita … Continua a leggere

“NOI” E “LORO”. MEGLIO “IO”

Una delle pulsioni fondamentali dell’uomo è la paura. Ed è benedetta, perché senza di essa chissà in quali guai ci metteremmo. La paura – l’aspetto emotivo dell’istinto di conservazione – si manifesta in particolare quando siamo soli. Se di notte mi accorgo di star percorrendo a piedi una strada non illuminata, ho paura. Sono sicuro che, se soltanto mi attaccano … Continua a leggere

IL NUMERO DI RENZI

Il futuro è un giocattolo meraviglioso, per chi ama l’enigmistica. Ci si cimenta con un problema molto difficile, e la ricompensa è esclusivamente la riuscita. Mentre se non si riesce non se ne fa certo un dramma: si è comunque passato il tempo. È in questa chiave che è interessante occuparsi del futuro di Matteo Renzi, naturalmente mettendo in chiaro … Continua a leggere

IL PRINCIPIO DI PETER NON STA IN PIEDI

A partire dal 1969, lo psicologo Laurence J.Peter si è reso famoso nel mondo per avere formulato, fra il serio e il faceto, il seguente “Principio di Peter”: “ In una gerarchia, ogni dipendente tende a salire di grado fino al proprio livello di incompetenza”. La tesi è efficacemente chiarita da Wikipedia nel modo che segue: “i membri che dimostrano … Continua a leggere

IL SALVATAGGIO DEL MPS

Lo Stato salva il Monte Paschi di Siena e riconosce che la condizione generale delle banche italiane è così florida, che il Parlamento, invece di stanziare soltanto i cinque miliardi che servono per salvare la banca toscana, ne ha stanziati venti, in previsione di altri naufragi. Ci si può scandalizzare? Nient’affatto. Non soltanto l’Italia ha una lunga tradizione, quando si … Continua a leggere

L’EROE IN GALERA

Non starò a descrivere le circostanze dell’uccisione del terrorista tunisino a Sesto San Giovanni. Mi interessa infatti soltanto un particolare sentito in televisione, poco dopo il fatto: Luca Scatà, il poliziotto siciliano, avrebbe sparato ad Anis Amri mentre costui, dopo avere ferito l’agente Cristian Movio, tentava la fuga. È proprio andata così? Se la notizia è vera, ce ne fornirà … Continua a leggere

IL FASCINO DEL FOREIGN FIGHTER

Come è noto, “l’esercito” dello “Stato Islamico” (ma da ora ci risparmieremo le virgolette) per rimpolpare le sue file ha beneficiato di combattenti stranieri, inutilmente designati in Italia come foreign fighters. Questi volontari lasciano i Paesi d’origine e vanno a rischiare la vita in un posto sconsolato, prevalentemente desertico, agli ordini di selvaggi, per partecipare a degli orrori di cui … Continua a leggere

RENZI E IL BLIND

L’impressione, secondo quanto si sente in giro, è che Matteo Renzi, al pari di Matteo Salvini, dei Fratelli d’Italia, ed anche dei “grillini”, desideri le elezioni anticipate. Al più presto. Alcuni pensano che lo faccia perché teme che, se passa il tempo, rischia di sparire. Altri pensano che veramente crede di potere sfruttare quel 40% che ha votato “sì” al … Continua a leggere